LA CAPPELLA

La Cappella è dedicata alla Purità di Maria Vergine, ben rappresentata nel quadro sopra l’altare in atto di annaffiare un giglio, avendo a fianco i Genitori: S. Anna e S. Gioacchino. Sotto l’altare sono venerate le reliquie di S. Felice Martire bambino, e nella nicchia laterale a destra dell’Altare le ossa S. Calocerio furono traslate e affidate ai Provana in tempi remoti, provenendo dalle catacombe di Roma.

Il quadro sulla sinistra della Chiesa ci rappresenta la Madonna del Rosario di Pompei, a cui i Provana furono particolarmente devoti, poiché Protettrice ed invocata dalle milizie Cristiane alla Battaglia di Lepanto, ove Andrea Provana (di Leyni) guidò la flotta piemontese.

La si raggiunge attraverso il cortile dall’ingresso principale. È ricavata all’interno della parete più antica del Castello, ma realizzata in stile neoclassico, caratteristico della parte nuova. Infatti l’attuale Cappella, oratorio semi-pubblico, risale ai primi anni ‘800 e riprende la tradizione della precedente Cappella dedicata all’Assunta, di cui i Papi hanno rinnovato antichi privilegi.

VOGLIO SAPERNE DI PIÙ